Fate in modo che ogni giorno possa diventare quello più bello della vostra vita.
 
Pub Bistró Dream In

Richiesta lampo

nome arrivo adulti
cognome partenza bambini
trovare il tempo da dedicare ai piaceri


Gentili ospiti e amici!

I componenti della famiglia Obrist vi danno un caloroso benvenuto nella loro pensione a conduzione familiare! A vostra disposizione accoglienti camere doppie, camere per famiglie oppure anche appartamenti, per trascorrere una vacanza ritemprante, varia e rilassante a Caldaro. La posizione è centrale ma allo stesso tempo tranquilla, con un fantastico panorama sulle montagne circostanti. La nostra Pensione Brunnenhof è il posto ideale per trascorrere le vostre vacanze sia in primavera, che in estate o in autunno, in due, con la famiglia o con gli amici.

La vostra vacanza inizia con una ricca colazione a buffet ...

Al mattino, quando scendete dal letto, vi aspettano pane appena sfornato, brioche e caffè fatto sul momento. Basta guardare fuori dalla finestra per decidere come trascorrere la giornata – farsi un bagno, andare in bicicletta, fare un\'escursione o anche una gita in montagna - siamo lieti di darvi qualche interessante consiglio per le vostre vacanze! Vi offriamo un servizio di noleggio gratis di mountain bike GIANT e un deposito chiuso per le vostre biciclette.
Alla sera potete gustare la compagnia piacevole di amici e ospiti del posto presso il nostro Pub-Bistró Dream In. Nel nostro giardino o nell’ampio locale interno serviamo birra fresca, caffè, cocktail o anche piccoli snack. È inoltre a vostra disposizione un tavolo da biliardo professionale (a pagamento) per giocare un’avvincente partita.

Durante le giornate più fresche in primavera o in autunno, dopo un’escursione impegnativa o una gita in bici, vi consigliamo una piacevole sosta in sauna (a pagamento). Per allenarvi c’è a vostra disposizione gratis la nostra palestra con numerosi attrezzi.


A noi piace riempirvi di attenzioni!
Famiglia Obrist Willy
con Barbara, Jonas con Petra, Evi con Andreas e la “nuova generazione di titolari” Max e Sophia